Wikia

Memory Alpha

B-4

Discussione0
2 970pagine in
questa wiki
B-4 (2379)
Genere: maschio
Specie: androide di tipo Soong
Stato: attivo (2379)
Nascita: 2330s (data di attivazione)
Padre: dottor Noonien Soong (creatore)
Madre: Juliana Soong
Fratelli/sorelle: Lore ("fratello" minore)
Data ("fratello" minore)
Parenti: dottor Ira Graves ("nonno")
dottor Arik Soong ("antenato")
Lal ("nipote")
Interprete(i): Brent Spiner
"Il debole del dottor Soong per i nomi fantasiosi sembra non avere fine." --Jean-Luc Picard

B-4 era il prototipo di un androide di tipo Soong costruito dal dottor Noonien Soong su Omicron Theta negli anni attorno al 2330. Era uno dei tre prototipi falliti antecedenti alla riuscita costruzione di Lore (TNG: "Una madre per Data") Sebbene B-4 fosse fisicamente identico a Data ed a Lore, i due ultimi androidi costruiti, B-4 non era dotato di un cervello positronico sofisticato come quello dei fratelli, con il risultato di fargli fare domande semplici come "Perché l'uomo alto ha così tanto pelo sul viso?", e descrivere la sala macchine semplicemente come "Una stanza... con delle luci."

L'esistenza di B-4 rimase ignota alla Flotta Stellare fino al 2379, quando i pezzi disassemblati dell'androide furono trovati dall'equipaggio della USS Enterprise-E su Kolarus III. I pezzi vi erano stati messi da Shinzon in quanto facenti parte di uno schema elaborato per attirare Jean-Luc Picard vicino a Romulus per poterlo catturare. B-4 fu anche usato come spia ignara; venne dotato di una seconda memoria contenente una programmazione sovversiva che lo obbligava a scaricare dati vitali circa la posizione di tutte le navi della Federazione e relative frequenze codificate di comunicazione.

Sebbene si rendesse conto dei limiti di B-4, Data volle dare al fratello l'opportunità di espandere le proprie capacità, così come aveva potuto fare lui stesso anni prima. A tal fine, Data copiò tutte le sue memorie in B-4, sperando che tali esperienze aggiuntive avrebbero aiutato B-4 ad evolversi oltre la sua programmazione originale. Tuttavia, poco dopo, B-4 dovette venir disattivato a causa del pericolo che rappresentava per l'equipaggio dell' Enterprise, e questo a causa della manomissione di Shinzon.

Poco tempo dopo, Data venne distrutto insieme alla Scimitar, essendosi immolato per salvare i suoi compagni. B-4 venne riattivato, e sebbene alcuni ricordi di Data iniziarono ad affiorare, il suo futuro rimase incerto. (Star Trek La nemesi)

RetroscenaModifica

B-4 è stato interpretato da Brent Spiner.

Secondo lo script script originale di Star Trek Nemesis, l'androide B-4 ("before") era chiamato B-9 ("benign"). Sempre secondo lo script, l'androide era stato prelevato dal suo pianeta natio dai Pakled ed era stato venduto ai Boliani. Alla fine, incontrò i Cardassiani, che lo misero in uno scivolo della spazzatura e, da lì, nello spazio, dove fu trovato dai Talosiani. Viene anche rivelato che Shinzon aveva saputo di questo prototipo grazie ad uno storico cardassiano. Nessuna di queste informazioni, comunque, è stata poi inserita nello script finale.

La relazione del Capitano Picard con B-4 dopo la distruzione di Data alla fine di Nemesi suggerisce la possibilità di una rinascita à la Spock di Data attraverso B-4, sebbene l'attore Brent Spiner abbia dichiarato che questo è altamente improbabile poiché, ormai, egli stesso è "visibilmente troppo vecchio per tale ruolo", visto che, in teoria, gli androidi non invecchiano. Naturalmente, questo non è necessariamente vero, poiché nell'episodio di TNG, "Una madre per Data", viene detto che Data, in realtà, può invecchiare.

Apocrifo Modifica

Captain-Data-Countdown-1

Il Capitano Data - La rete neurale di Data nel corpo di B-4.

Il fumetto Star Trek: Countdown, collegato al film Star Trek del 2009, dà Data per vivo nel 2387, essendo riuscito con successo a trasferire la sua rete neurale nella programmazione di B-4. Nel fumetto, Data è diventato il capitano della USS Enterprise-E.

L'uniforme indossata da Data è la stessa indossata da tutti gli ufficiali della Flotta Stellare nel gioco Star Trek Online.

Nella rete di Wikia

Wiki a caso