Wikia

Memory Alpha

La posta in gioco (episodio)

Discussione0
3 018pagine in
questa wiki
Articolo del Mondo Reale
(scritto dal punto di vista del mondo reale)
"The Gamesters of Triskelion"
Traduzione Italiana: La posta in gioco
Traduzione letterale: I giocatori d'azzardo di Triskelion
TOS, Episodio 2x17
Numero di produzione: 60346
Prima messa in onda: 5 gennaio 1968
Versione rimasterizzata messa in onda: 20 ottobre 2007
47° di 80 prodotto in TOS
45° di 80 rilasciato in TOS
46° di 80 rilasciato in TOS Rimasterizzata
45° di 727 rilasciati in tutto
Galt
Scritto da
Margaret Armen

Diretto da
Gene Nelson
3211.7 (2268)
  Arco: {{{wsArc0Desc}}} ({{{nArc0PartNumber}}} di {{{nArc0PartCount}}})  
  Arco: {{{wsArc1Desc}}} ({{{nArc1PartNumber}}} di {{{nArc1PartCount}}})  
  Arco: {{{wsArc2Desc}}} ({{{nArc2PartNumber}}} di {{{nArc2PartCount}}})  
  Arco: {{{wsArc3Desc}}} ({{{nArc3PartNumber}}} di {{{nArc3PartCount}}})  
  Arco: {{{wsArc4Desc}}} ({{{nArc4PartNumber}}} di {{{nArc4PartCount}}})  

Kirk, Uhura e Chekov vengono rapiti da alcuni alieni ed obbligati a lottare contro altri alieni in modo da permettere ad una specie mentalmente superiore di giocare d'azzardo sul vincitore.

RiassuntoModifica

TeaserModifica

"Diario del capitano, data stellare 3211.7. Stiamo entrando in orbita standard attorno a Gamma II, un planetoide inabitato con una stazione automatizzata per le comunicazioni e la navigazione. Il guardiamarina Chekov, il tenente Uhura, ed io ci trasporteremo sulla superficie e controlleremo la struttura."

I tre ufficiali della Flotta Stellare lasciano il ponte con il comandante Spock al comando. Entrano nella sala teletrasporto e attendono di essere trasportati di sotto, ma proprio quando il capo ingegnere Montgomery Scott inizia la sequenza, i tre scompaiono istantaneamente dalla nave. Si ritrovano sdraiati sulla schiena su di un pavimento decorato in modo strano. Kirk ipotizza che si sia trattato di un malfunzionamento del teletrasporto, e poi si rende conto che ci sono tre soli e che si trovano su di un pianeta completamente differente. Nel frattempo, Scott riporta la scomparsa inusuale della squadra di sbarco, ma non si riesce a trovare alcuna spiegazione.

I tre ufficiali intrappolati cercano di utilizzare i comunicatori solo per scoprire che non ne funziona nemmeno uno. A questo punto, vengono circondati da quattro guerrieri alieni, tutti con un'arma di qualche tipo, che li avvicinano minacciosamente. Kirk, Uhura e Chekov estraggono i phaser e attendono il momento giusto per fare fuoco. Kirk dà l'ordine, ma nemmeno i phaser funzionano. Il capitano ordina il combattimento corpo a corpo, ma vengono battuti in superiorità sia numerica che fisica. Kirk viene scaraventato sul dorso e si ritrova con una lama affilata alla gola.

Prima parteModifica

"Diario del capitano, data stellare 3211.8. Mentre ci stavamo teletrasportando dall'Enterprise per recarci a ispezionare le strutture su Gamma II, la sequenza normale del teletrasporto è stata interrotta, e ora ci ritroviamo su un pianeta strano e ostile, circondati da creature provenienti dalle più svariate specie della galassia."

Appare una misteriosa figura calva, vestita di nero. Loda gli ufficiali della Flotta Stellare per il loro spirito combattivo e si presenta come Galt, il maestro thrall del pianeta Triskelion. Vengono portati in una cella e amanettati alle pareti dove vengono loro messi dei collari metallici. Galt rivela che i suoi padroni, i Protettori, li "avevano attesi e avevano organizzato il loro arrivo". I tre saranno addestrati come thrall e dovranno combattere nei giochi per i Protettori per il resto delle loro vite.

Nel frattempo, sulla nave, il signor Scott ha controllato il teletrasporto pezzo per pezzo e non ha trovato alcun malfunzionamento. Il signor Spock ha controllato il planetoide due volte ma non ha trovato segni di vita. Il dottor McCoy è frustrato per via dell'incapacità di Spock di trovare tracce di quel che è accaduto ai loro compagni.

Su Triskelion, il capitano, Chekov e Uhura vengono portati negli "alloggi" allestiti per loro. Si tratta di celle complete di sbarre con tanto di nome su ognuna di esse. I tre attaccano i thrall che fanno loro la guardia e cercano di fuggire. Galt chiude gli occhi ed essi iniziano a brillare come due stelle. I piccoli dispositivi bianchi che si trovano sui collari degli ufficiali iniziano ad accendersi. Si fermano annaspando e cadono sul pavimento in agonia. Quando Galt apre gli occhi, i collari smettono di brillare ed essi si rialzano lentamente in piedi. Galt dice loro che la fuga è impossibile mentre indossano i Collari di Obbedienza. I tre ritornano volontariamente in cella.

Sull'Enterprise, il signor Spock è giunto alla conclusione che i loro compagni dispersi non si trovano entro i confini del sistema solare nel quale si trovano. La frustrazione del dottor McCoy aumenta mentre Spock non sa più dove cercare.

Nelle loro celle, i prigionieri parlano della possibilità di venir salvati dall'Enterprise. Uhura riceve la visita di Lars, il suo thrall per le esercitazioni con un vassoio di cibo. La fa arretrare nella sua cella e le dice, "C'è poco tempo. Io sono stato selezionato per te." Segue il suono di una lotta e Uhura urla mentre il capitano grida, impotente, nella propria cella. Una dei thrall femmina si avvicina alla cella di Kirk. Egli cerca di afferrarla attraverso le sbarre gridando, "Che sta facendo al tenente Uhura!?"

Seconda parteModifica

Kirk guarda ancora dalle sbarre della propria cella mentre Lars lascia quella di Uhura dicendole che non è permesso rifiutare la "selezione". Il thrall per le esercitazioni di Kirk entra con del cibo dicendogli che è "periodo di nutrimento" e si siede per guardarlo mangiare.

"Diario del capitano, data stellare 3212.2. Primo ufficiale Spock al comando. Il capitano, il tenente Uhura, e il guardiamarina Chekov sono dispersi da quasi due ore. Le proiezioni circa le probabilità del computer sono inutili poiché non abbiamo dati sufficienti."

Il guardiamarina Jana Haines alla postazione scientifica del ponte riporta una lettura di energia fluttuante emessa da una nube di idrogeno. Spock si reca alla stazione scientifica e la identifica quale traccia di ionizzazione. I computer della nave non offrono alcuna spiegazione. Il signor Spock ordina che si cambi la rotta per seguire la traccia di ionizzazione. Il dottor McCoy accusa Spock di andar dietro al nulla. Spock lo informa che è l'unico indizio che hanno. Lasciano il sistema a 310 mark 241 a curvatura 2.

Chekov riceve una visita dal suo addestratore grosso e di sesso femminile e si preoccupa del fatto che possa esser stata "selezionata" per lui. Ma non è così. Ella si presenta come Tamoon e gli promette di addestrarlo bene. Se il suo protettore lo sceglierà, potranno esser selezionati uno per l'altra.

Nella cella di Kirk, Shahna gli dice che il colore sui collari corrisponde al colore del Protettore che li possiede. "Il Protettore che offre più quatloo mette il suo colore su di noi." Kirk inizia a raccontarle dei concetti di schiavitù. Inizia a chiederle chi controlla i collari e come, ma Shahna gli dice che non è permesso parlare di queste cose. Kirk allora inizia a corteggiarla, dicendole che è molto bella, ma la donna non ha mai udito questa parola. Egli le mostra la sua immagine riflessa per farle capire che intende. Quando le chiede dove è nata e chi erano i suoi genitori, ella gli dice che sua madre era stata uccisa in un "incontro a stile libero." Una luce segnala l'inizio dell'"intervallo degli esercizi." Shahna dà a Kirk delle briglie da indossare per l'addestramento.

Sull'Enterprise, McCoy e il signor Scott esprimono dei dubbi sulle azioni intraprese. Spock li ha fatti procedere verso il sistema solare più vicino lungo il segno della traccia di ionizzazione, M-24 Alpha, a 11.630 anni luce.

Di nuovo nell'arena dove erano atterrati, Kirk, Chekov e Uhura stanno facendo pratica con le armi sotto la supervisione degli addestratori thrall. Galt porta fuori un thrall - un uomo più anziano di colore - che dice esser stato lento nell'obbedire a un comando e che devono usarlo quale bersaglio per far pratica. Uhura si rifiuta decisamente di fare un tale esercizio e lo stesso fanno Kirk e Chekov, facendo così attivare i rispettivi collari di ubbidienza. Galt ordina che sia Uhura a prendere il posto dell'uomo che doveva fungere da bersaglio, ma Kirk dice che la responsabilità delle azioni del suo equipaggio sono le sue e che sarà lui a farlo. Galt dice che gli dispiace perdere Kirk in questo modo, ma sarà un buon esempio per gli altri. Viene legato e portato al centro dell'arena.

Terza parteModifica

"Diario del capitano, supplemento. Data stellare... sconosciuta. La nostra strana prigionia continua. Questo pianeta si chiama Triskelion. Non conosciamo la sua ubicazione. Non sappiamo chi lo controlla. I suoi pericoli... sono fin troppo evidenti."

Kirk sta ancora sanguinando da una ferita sulla schiena causata dalla frusta di Kloog, il grosso thrall alieno che è stato selezionato per amministrargli la punizione. Durante un intervallo di riposo, Shahna dà a Kirk una bevanda energetica e gli consiglia di attaccare Kloog dalla parte sinistra perché è debole da quell'occhio. Quando il combattimento riprende, Kirk riesce parzialmente a slegarsi. Con le mani davanti, alla fine afferra Kloog e sta quasi per batterlo quando si sente una voce provenire dall'alto che dice, "Fermo!" È la voce del Protettore 1. Essa e le voci del Protettore 2 e Protettore 3 iniziano a scommettere sui nuovi arrivati. Alla fine, vengono ottenuti dal Protettore 1 al prezzo di 2,000 quatloo. Kirk afferma che sono persone libere e che non appartengono a nessuno. I Protettori #2 e #3 allora fanno altre scommesse: 15 quatloo che il capitano Kirk non lo si può addestrare, 20 quatloo che tutti e tre non saranno addestrabili, 5,000 quatloo che dovranno esser uccisi, tutte scommesse che il Protettore 1 accetta. Gli occhi di Galt si illuminano e il colore dei loro collari diventa rosso. Galt dice loro che ora portano il marchio di una buona mandria e che la punizione per ogni disobbedienza sarà la morte.

Sull'Enterprise, il signor Scott afferma che non ha alcun senso il fatto che i loro compagni dispersi siano stati trasportati così lontano e che dovrebbero continuare a cercare nell'area dove li hanno perduti. Spock ricorda loro che non hanno trovato alcuna traccia dei tre ufficiali. McCoy inizia a temere che possano non esser più vivi dopo tutto il tempo che è passato.

Da qualche parte al di fuori del perimetro dei thrall, Shahna e un Kirk a torso nudo e con i segni delle frustate si prendono una pausa vicino a alcune rovine dopo una corsa di due miglia. Kirk inizia a chiedere perché i Protettori amano guardare soffrire le persone e se sono in realtà computer ma la donna sembra non saperlo. Ella diventa nervosa quando Kirk inizia a chiedere se questa era stata una città dei Protettori e dice che l'area nella quale si trovano gli ricorda il suo pianeta natale, la Terra. Ella non sa cosa siano i pianeti e i soli e Kirk dice che si tratta delle luci che si vedono nel cielo la notte. Le parla dei concetti di libertà e amore. Di come, sulla Terra, nessuno selezioni un compagno per un'altra persona, perché ognuno si sceglie il proprio. Shahna non pensa che le parole di lui siano permesse e inizia ad andarsene. Kirk torna a chiedere dei Protettori. Ella inizia a dire che non li ha mai visti ma che si dice "non siano come noi". Prima che possa aggiungere altro, il suo collare si illumina ed ella cade sul pavimento in agonia. Kirk guarda verso il cielo urlando che si è trattato di un suo errore, che è stato lui a farla parlare e implora di non ucciderla.

Quarta parteModifica

Kirk continua a implorare affinché risparmino la vita di Shahna, chiedendo di venir punito al posto suo. La voce del Protettore 1 chiede se questo è quel che gli umani chiamano compassione. È interessante, ma qui è inutile. Dicono che deve imparare l'ubbidienza, se vuole essere un thrall eccellente. Il collare di Shahna si spegne ed ella gli chiede perché ha rischiato di venir punito al suo posto. Egli le dice che è abitudine della sua gente aiutarsi a vicenda quando ci si trova in difficoltà, e la bacia sulle labbra. Ella gli chiede se anche questo è un "aiuto," ed egli le dice che lo si può chiamare così. Guardandolo negli occhi, gli dice, "Per favore... aiutami ancora." Dopo essersi baciati per un po', ella inizia a capire che un uomo e una donna possono stare insieme per libera scelta. Galt appare dal nulla ma, poiché hanno divertito i Protettori, non saranno puniti. Kirk mette un braccio intorno a Shahna con fare protettivo e i due se ne vanno insieme.

Sul ponte dell'Enterprise, il signor Spock chiede al signor Scott se possono sostenere una velocità superiore a curvatura 6. Il signor Scott e il dottor McCoy pensano che si siano allontanati già abbastanza in una ricerca senza speranza. Entrambi vogliono tornare su Gamma II per un'altra ricerca. Spock li prende da parte e ricorda loro che è lui al comando ora e che continueranno su quella rotta a meno che non stiano pianificando di annunciare un ammutinamento. Chiedono che se non li troveranno nel sistema ternario al quale si stanno avvicinando, potranno tornare a cercarli su Gamma II. Spock acconsente e chiede se il signor Scott gli può dare curvatura 7. Il signor Scott è felice di poter acconsentire, "e forse anche un qualcosa di più." Il signor Spock ordina la curvatura 7.

Shahna porta a Kirk il pasto e gli dice che la fa sentire "strana". Inizia a baciarla di nuovo e mentre lo guarda lui la mette knock out. Dopo averle preso la chiave, libera Chekov e Uhura, i quali hanno messo fuori combattimento i rispettivi addestratori. Vogliono trovare i phaser e cercare di togliersi i collari. Mentre camminano nell'arena, Galt appare e attiva i collari ma non li uccide. La voce del Protettore 1 dice loro che si è trattato solo di un avvertimento.

L'Enterprise entra in orbita standard attorno a Triskelion. I sensori rilevano solo una concentrazione di forme di vita sul pianeta, nell'emisfero inferiore, e si tratta di umanoidi. Non volendo mettere in pericolo il capitano e gli altri se ancora vivi trasportando troppe persone, Spock decide di recarvisi col dottor McCoy. Prima ancora che possano lasciare il ponte i sistemi della nave vengono bloccati dai Protettori. Kirk e il Protettore 1 spiegano la situazione su Triskelion. Kirk accusa i Protettori di aver troppa paura di mostrarsi. Poiché percepiscono che egli non rappresenta alcun pericolo finché indossa il collare, il Protettore 1 trasporta Kirk in una stanza a mille metri sotto la superficie del pianeta dove tre cervelli senza corpo giacciono in una struttura protetta da una cupola di vetro. Alle loro spalle, si può vedere uno sfondo immenso con i macchinari per l'energia. I protettori spiegano che la loro specie un tempo era stata umanoide ma che si erano poi evoluti. I giochi erano diventati il loro unico scopo. Avevano sperato che gli umani avrebbero portato delle novità per i thrall ma ora sono dispiaciuti perché dovranno ucciderli. Kirk minaccia che questo significherebbe anche la loro morte per mano della Federazione e della Flotta Stellare, ma i Protettori vogliono far sembrare che siano stati distrutti da una tempesta magnetica, in modo che nessuno possa mai esser ritenuto responsabile. Irato, Kirk li accusa di essere assassini senza il vero spirito d'azzardo per le vite che si prendono. Non appena lo dice, si rende conto che il gioco d'azzardo è la chiave per queste creature. Dice ai Protettori che gli umani sono i migliori giocatori d'azzardo della galassia e che è nella loro natura vincere. Scommette che il suo equipaggio può sconfiggere un ugual numero di thrall. I protettori iniziano subito a scommettere e rilanciare la posta in quatloo, ma Kirk dice loro che i quatloo non sono nulla e che la posta in gioco dev'essere più alta. Se sarà il suo equipaggio a vincere, l''Enterprise sarà liberata e i thrall potranno auto-governarsi. Se perderanno, l'intero equipaggio dell'Enterprise diventerà thrall e darà loro generazioni delle più eccitanti scommesse che abbiano mai fatto. I Protettori acconsentono ma alla condizione che Kirk lotti contro tre altri thrall. Kirk protesta per la disparità, ma gli viene risposto che invece è molto equo poiché l'alternativa è la morte. Poiché combatte per le vite dei suoi uomini, i Protettori faranno in modo che questi possano assistere al combattimento dallo schermo della nave. Kirk deve rimanere nelle sezioni gialle dell'arena, i suoi tre antagonisti, Kloog, Lars, e un Andoriano, nelle sezioni blu. Un antagonista dev'esser ucciso per esser tolto dal gioco. Se sarà solo ferito, sarà rimpiazzato da un altro thrall.

Il combattimento inizia. Kirk fa fuori Kloog e poi Lars ma ferisce solo l'Andoriano. Shahna prende il suo posto. Kirk non vuol lottare con lei ma ella lo accusa di averla ingannata con delle bugie e lo attacca. Kirk la fa cadere e le punta il coltello alla gola, facendola arrendere. I Protettori mantengono la parola e dicono a tutti di togliersi i collari. Kirk dice a Shahna che non le aveva mentito ed ella gli chiede se può andare con lui sulle luci nel cielo. Egli le dice che prima deve imparare molte cose. Le dà il bacio di addio e le accarezza una guancia. Si teletrasportano sull'Enterprise mentre Shahna, con una lacrima che le cade lungo la guancia, guarda verso il cielo nel quale Kirk è tornato.

Citazioni memorabiliModifica

"Speranza? Ho sempre pensato che fosse un sentimento umano, signor Spock."
"Vero, dottore. L'esposizione costante provoca un certo grado di contaminazione."

- McCoy e Spock, mentre la Enterprise cerca Kirk, Uhura e Chekov


"Vorrei un suggerimento, dottore, anche uno emotivo, sul dove cercare."
"È la prima volta che mi chiede un consiglio, e dev'esser proprio in questa occasione."

-Spock e McCoy, dopo circa un'ora di ricerche


"Dottore, io sto cercando il capitano Kirk, il tenente Uhura e il guardiamarina Chekov, non qualche specie di anatra acquatica."

- Spock, mentre McCoy descrive la ricerca focalizzata su Triskelion come una caccia all'anatra


"Come si può vivere su un puntino di luce?"

- Shahna, dopo che Kirk le ha detto che viene da una delle stelle nel cielo


"La leghi!"

- Galt


"Per favore, aiutami ancora una volta."

- Shahna, mentre ella e Kirk si baciano nuovamente


"Questo metterà la parola fine alla nostra storia."

- Chekov a Kirk, dopo aver legato Tamoon


"In nome del cielo, che cos'è questo?"
"Il cielo ha molto poco a che fare con questo."

- McCoy e Scott, circa i giochi su Triskelion


"Tutta la tua gente deve imparare prima di raggiungere le stelle."

- Le parole di commiato di Kirk a Shahna


"Addio, Jim Kirk. Imparerò. E guarderò le luci nel cielo. E ricorderò."

- Shahna, guardando il cielo dopo la partenza di Kirk, Uhura e Chekov

RetroscenaModifica

Produzione Modifica

  • Il titolo originale era "The Gamesters of Pentathalon" sulla prima stesura dello script del 1 maggio 1967.

Attori Modifica

  • Robert C. Johnson, la voce di uno dei Protettori, è stato uno delle voci più famose d'America per qualche anno: era la voce registrata su nastro che dava alla Impossible Missions Force la propria assegnazione all'inizio della maggioranza degli episodi di Mission: Impossible. Mission era filmato su un set vicino a quello di Star Trek, e gli attori della serie gironzolavano spesso per vedere che cosa accadeva sull'Enterprise. Johnson aveva prestato già la sua voce per il primo pilot di Star Trek, "Lo zoo di Talos".

Oggetti di scena ed effetti speciali Modifica

Three Providers

I tre Protettori ed uno sfondo familiare

TriviaModifica

  • Questo episodio è stato parodiato nell'episodio de The Simpsons "Deep Space Homer".

Informazioni di rimasterizzazioneModifica

Triskelion

Triskelion, ora appartenente visivamente ad un sistema stellare ternario

"La posta in gioco" è stato il quarantaseiesimo episodio della versione rimasterizzata di The Original Series a esser mandato in onda, per la prima volta in syndication nel fine settimana del 20 ottobre 2007.

A parte per il materiale filmico dell'Enterprise modificato con il CGI, questo episodio presenta nuove inquadrature dei pianeti Gamma II e Triskelion.

Un pezzo di nuovo materiale audiovisivo venne aggiunto a questo episodio, cioè l'inquadratura del pianeta Triskelion, mostrata durante i titoli di testa, ora incluso nel sistema stellare ternario.

L'episodio successivo rimasterizzato ad esser mandato in onda è stato "Guarigione da forza cosmica".

Timeline di produzioneModifica

Uscite su nastro e su DVDModifica

Collegamenti e riferimentiModifica

Personaggi ed interpretiModifica

Altri personaggi ed interpretiModifica

E

Con la partecipazione diModifica

Attrice ospiteModifica

E conModifica

E

Attori non accreditatiModifica

ControfiguraModifica

RiferimentiModifica

navigazione; atomo; collare di ubbidienza; comunicazioni; cosacco; Daniele; diavolo; Terra; incontro a stile libero; gioco d'azzardo; Gamma II; sistema Gamma; anatra; combattimento corpo a corpo; paradiso; mandria; nube d'idrogeno; interferenza ionica; leone; amore; sistema M24 Alpha; tempesta magnetica; maestro thrall; metro; miglio; ammutinamento; nutrimento; probabilità; planetoide; Protettore; quatloo; roccia; sergente; schiavitù; thrall; briglie da addestramento; teletrasporto; Triade; sistema stellare ternario; trisec; Triskelion; frusta;

Collegamento esternoModifica


Precedente episodio prodotto:
"Guerra privata"
Star Trek: Serie Classica
Stagione 2
Prossimo episodio prodotto:
"L'ossessione"
Precedente episodio trasmesso:
"Animaletti pericolosi"
Prossimo episodio trasmesso:
"Chicago anni '20"
Precedente episodio rimasterizzato trasmesso:
"Trasmissione di pensiero"
TOS Rimasterizzata Prossimo episodio rimasterizzato trasmesso:
"Guarigione da forza cosmica"