Wikia

Memory Alpha

Reginald Barclay

Discussione0
3 007pagine in
questa wiki
Reginald Barclay, 2376.jpg
Il tenente Reginald Barclay nel 2376
Genere: Maschio
Specie: Umano
Associazione: Flotta Stellare della Federazione
Grado: Tenente
Occupazione: Ingegnere della diagnostica dei sistemi
Stato: Attivo (2378)
Stato Civile: Single
Parenti: Frank (cugino)
Interprete(i): Dwight Schultz
Reginald Barclay, 2366.jpg
Il tenente Reginald Barclay nel 2366

Il Tenente Reginald Endicott "Reg" Barclay III era un brillante ingegnere della diagnostica dei sistemi della Flotta Stellare. Appariva sempre nervoso ed insicuro, tendeva a balbettare, ed era conosciuto per essere una persona solitaria e molto introversa. Come risultato di queste caratteristiche, alcuni membri dell'equipaggio lo soprannominarono "Broccoli."

La carriera nella Flotta StellareModifica

Precedentemente al trasferimento sulla USS Enterprise-D nel 2366, Barclay venne assegnato alla USS Zhukov. In qualità di Tenente JG a bordo della Enterprise-D, Barclay ebbe la tendenza a passare parecchio del suo tempo sul ponte ologrammi, dove si sentiva più a proprio agio e sicuro di se stesso, piuttosto che affrontare situazioni sociali reali. (TNG: "Illusione o realtà?") Barclay soffrì anche di una forma acuta di fobia del teletrasporto, sebbene in seguito riuscì a superare tale barriera psicologica. (TNG: "Paure nascoste") Tuttavia, in seguito a quegli avvenimenti sviluppò l'aracnofobia. Nel 2375, il Comandante Worf ed il Capo O'Brien lo nominarono dicendo che nessuno avrebbe mai potuto dimenticarlo nel ricordare i vecchi amici dell' Enteprise. Più che altro, venne ricordato da O'Brien e Worf per lo stravagante programma "I tre moschettieri" che presentò all'equipaggio. (DS9: "Immagini nella sabbia")

Durante l'incontro coi Borg nel 2366-2367, Barclay lavorò sulle riparazioni con Sherman in seguito all'infelice tentativo dell' Enterprise di distruggere il cubo Borg usando un raggio di energia dal disco deflettore. (TNG: "L'attacco dei Borg - seconda parte")

In seguito, quello stesso anno, dopo un incontro con una sonda aliena, il QI di Barclay venne aumentato tra 1200 e 1450. All'insaputa di Barclay, i creatori della sonda (conosciuti col nome di Cytheriani) provocarono questo fenomeno in modo che Barclay portasse loro l' Enterprise poiché usavano questo stratagemma per ricercare nuove specie. Barclay creò una distorsione subspaziale. Sebbene i Cytheriani lo avessero riportato alla normalità, Barclay - da allora - ebbe un po' di più in fiducia in se stesso. (TNG: "All'ennesima potenza")

Nel 2369, Barclay assistette Alexander Rozhenko nella creazione di un programma per il ponte ologrammi basato su Deadwood, South Dakota durante l'antico West. Barclay incluse una prostituta nella simulazione e Worf non apprezzò la cosa. (TNG: "Per un pugno di Data")

Barclay ebbe poi una seduta con il consigliere Deanna Troi verso la metà del 2370. (ENT: "Federazione prossima frontiera")

Barclay era anche un ipocondriaco e tendeva a farsi le diagnosi da solo – una volta si convinse di soffrire di psicosi del teletrasporto; un'altra volta, credette di essere affetto dalla Sindrome letale Terelliana. Nel 2370, una cura per l'influenza Urodelana, una patologia mite, fornita dalla dottoressa Beverly Crusher, attivò un gene regressivo che fece mutare Barclay ed il resto dell'equipaggio dell' Enterprise in esseri agli stadi iniziali dell'evoluzione. Barclay si trasformò in una creatura simile ad un ragno. Quando tale patologia venne curata, la Crusher decise di chiamarla la Sindrome Protomorfica di Barclay quale omaggio al suo primo paziente conosciuto. (TNG: "Genesi")

Nel 2371, Barclay si trasferì sulla Stazione Giove e vi lavorò quale membro della squadra originale di oloingegneria nel laboratorio del dottor Lewis Zimmerman per testare le capacità interpersonali del Medico Olografico d'Emergenza. (VOY: "Proiezioni")

Barclay si sarebbe trasferito a bordo della nuova USS Enterprise-E prima della Battaglia del Settore 001 nel 2373. Viaggiò nel passato con il resto dell'equipaggio fino al 4 aprile 2063, il giorno precedente al Primo Contatto, dove poté incontrare uno dei suoi idoli, il dottor Zefram Cochrane. Lo aiutò a riparare la curvatura della Phoenix dopo un attacco Borg, e riuscì persino a stringergli la mano. (Star Trek: Primo contatto)

Barclay and Cochrane

Barclay cerca di stringere la mano a Zefram Cochrane

Nel 2376, dopo aver lavorato col dottor Lewis Zimmerman sul modello I del MOE presso la stazione Giove, divenne ossessionato dal ritorno della nave stellare USS Voyager dal Quadrante Delta, e chiese di venir assegnato al progetto Pathfinder presso il Centro di Ricerca delle Comunicazioni. L'olodipendenza di Barclay ritornò ad affliggerlo dopo ch'egli creò una versione abbastanza accurata della nave stellare e del suo equipaggio, il quale lo amava e contava su di lui grazie al suo programma. Tenne persino un gatto, che chiamò "Neelix". Si deve notare che il tenente aveva un debole per i gatti ed essi lo ricambiavano. Spot, il gatto di Data, trovava di suo gradimento solo il proprio proprietario e Barclay.

Furono gli sforzi di Barclay a rendere possibili le comunicazioni con la Voyager, e questo avvenne quando gli venne in mente di dirigere un raggio di tachioni verso una pulsar itinerante di classe B che si stava avvicinando per inviare un messaggio attraverso un micro tunnel artificiale generato dal risultante picco gravimetrico. Sfortunatamente, Barclay scelse quale momento per proporre la propria idea una riunione ufficiale con l'Ammiraglio Owen Paris, andando contro gli ordini del comandante Harkins. Barclay venne allontanato dal progetto da Harkins temporaneamente, dopo che questi scoprì l'ossessione dell'ingegnere per la Voyager, nonostante le proteste di Barclay. In seguito, ammise con il Consigliere Deanna Troi che gli mancava la sensazione di familiarità che aveva sperimentato a bordo dell' Enterprise.

Comunque, Barclay ritornò al CRC, ed attivò nuovamente l'oloprogramma Voyager. Cercò di utilizzare il programma per attivare il proprio piano riguardante la serie MIDAS per comunicare con la vera nave, usando i personaggi olografici per proteggerlo ed assisterlo. Proprio quando Harkins usò una falla simulata nel nucleo di curvatura per terminare il programma, il Capitano Kathryn Janeway chiamò il Centro delle Comunicazioni, avendo ricevuto il messaggio di Barclay - alla fine, si era riusciti a comunicare con la nave. Tom Paris fece un bridisi con l'equipaggio della Voyager eleggendo Barclay membro onorario. Grazie al successo ottenuto nel comunicare con la Voyager, Barclay venne promosso a Tenente; iniziò anche a relazionarsi socialmente, frequentando la cognata del suo superiore, Hope, la quale amava anch'ella i gatti. (VOY: "Pathfinder")

Barclay and holographic barclay inside man

Barclay programma il proprio ologramma

Barclay aveva sviluppato un ologramma basato sulla propria immagine per aiutare la Voyager. Tuttavia, lo inviò per due volte nel Quadrante Delta senza ottenere successo alcuno. Divenne ossessionato dal pensiero di scoprire cosa fosse andato storto. I suoi superiori erano convinti che il responsabile fosse stato un fenomeno subspaziale. I suoi sospetti crebbero a dismisura, tanto da fargli interrompere una visita di un gruppo di bambini dicendo che i Borg o i Romulani erano dietro a quanto accaduto, ma venne mandato in vancaza per rilassarsi. Escogitò quindi un modo per incontrare di nuovo Deanna Troi. Secondo lui, la sua fortuna era migliorata, almeno per un po', includendo la festa di compleanno del Comandante Geordi La Forge, ma poi le cose erano precipitate. Le raccontò dei suoi problemi, ed aggiunse anche che la sua ragazza, Leosa, lo aveva lasciato dopo ch'egli le aveva raccontato tutto circa il progetto Pathfinder ed il suo ologramma. La Flotta Stellare l'aveva convocata, e fu allora che venne rivelato a Barclay che Leosa era una ragazza dabo, piuttosto che un'insegnante, com'ella gli aveva fatto credere. Con l'aiuto della Troi, scoprirono che un trio di Ferengi aveva intercettato il suo ologramma e l'aveva riprogrammato per ingannare la Voyager, dopo aver saputo da Leosa che le nanosonde Borg valevano un bel po' di latinum. Fu chiaro che i Ferengi avevano pianificato di usare un raccoglitore geodesico tra il Quadrante Alfa ed il Quadrante Delta grazie all'ologramma che avrebbe fornito alla Voyager false informazioni, che avrebbero ucciso tutti a bordo. Barclay fece finta di essere il proprio ologramma, mentendo ai Ferengi, dicendo loro che la Voyager sarebbe sopravvissuta e li avrebbe scaraventati dall'altra parte del raccoglitore. Grazie alla fortuna, la Voyager venne salvata. Barclay creò un altro ologramma, questa volta con caratteristiche più sicure, il quale avrebbe dovuto porre l'ordine "Identificarsi!" La Troi lo invitò ad un doppio appuntamento con il comandante Riker ed una sua amica, Maril, una vera insegnante. (VOY: "L'inviato")

Nel 2378, Barclay si trovava in servizio presso il Centro Comunicazioni durante la visita dell'ammiraglio Paris. Nel corso della suddetta visita, i sensori a lungo raggio rilevarono un condotto a transcurvatura Borg aprirsi proprio al di fuori del sistema Sol. Barclay riportò la notizia agli ammiragli in visita, poiché si temeva un altro attacco Borg. Quando emerse una sfera Borg, che poi esplose velocemente per rivelare la Voyager, Reg fu uno dei primi a dare loro il bentornato.

File:Reginald Barclay, Endgame.jpg

In una timeline alternativa, nella quale la USS Voyager impiegò sedici anni in più per tornare a casa, Barclay era riuscito a smettere di tartagliare (anche se ogni tanto gli capitava di nuovo, quando diceva una bugia). Divenne un docente presso l'Accademia della Flotta Stellare, insegnando in un corso sui Borg. Barclay aiutò poi l'ammiraglio Janeway nel tentativo di tornare indietro nel tempo e riportare a casa la Voyager prima. (VOY: "Fine del gioco")

AppendiciModifica

ApparizioniModifica

RetroscenaModifica

Barclay è stato interpretato da Dwight Schultz. Secondo una prima stesura di "Illusione o realtà?", il suo nome avrebbe dovuto essere Endicott Reginald Barclay III, ma poi il primo ed il secondo nome vennero invertiti.

All'età di quarantatré anni, Dwight Schultz è stato uno degli attori più anziani ad interpretare un ufficiale giovane, poiché alla sua prima apparizione Barclay è tenente JG. Nella vera marina militare statunitense, sulla quale i gradi della Flotta Stellare sono largamente basati, i tenenti JG hanno - di solito - poco più di vent'anni con coloro che si sono arruolati precedentemente (o "mustang JG") i quali hanno questo grado a trenta e passa anni.

ApocrifoModifica

Collegamenti esterniModifica

Nella rete di Wikia

Wiki a caso